top of page
  • Immagine del redattoreAndrea Viliotti

Formato Croissant di Google AI per dataset pronti al machine learning

Il formato Croissant di Google AI, concepito per l'apprendimento automatico, mira a standardizzare i dataset per facilitarne la ricerca e l'utilizzo. Sviluppato in collaborazione con MLCommons, questo formato integra metadati, descrizioni e semantica ML in un file unico, promuovendo l'uso responsabile dei dati. Con il supporto di piattaforme come Kaggle e framework come TensorFlow, Croissant semplifica la gestione dei dataset ML, promuovendo un'AI responsabile e l'interoperabilità tra strumenti.


Formato Croissant di Google AI per dataset pronti al machine learning
Formato Croissant di Google AI per dataset pronti al machine learning

Il formato Croissant, sviluppato da Google AI, è un'importante novità nel campo dell'apprendimento automatico (ML), pensata per uniformare i metadati dei dataset e facilitarne la ricerca e l'uso. Croissant è stato sviluppato collaborativamente dalla comunità di MLCommons, unendo sforzi di industria e accademia, per affrontare la sfida rappresentata dalla varietà di rappresentazioni dei dati nei dataset ML, che ostacola la produttività e lo sviluppo di strumenti adeguati​​​​.

 

Una delle caratteristiche distintive di Croissant è la sua capacità di combinare in un unico file metadati, descrizioni delle risorse, struttura dei dati e semantica ML predefinita, operando con i dataset esistenti per migliorarne la reperibilità e l'utilizzo​​. Questa struttura facilita notevolmente l'adozione del formato senza necessità di modificare la rappresentazione dei dati stessi, ma aggiungendo un livello di metadati che descrive in modo standardizzato il contenuto dei dataset​​.

 

Il supporto per Croissant è già ampio e in crescita, con piattaforme e framework popolari come Kaggle, Hugging Face e OpenML che hanno iniziato a supportare il formato per i dataset ospitati, mentre strumenti di ricerca come Google Dataset Search consentono di cercare dataset Croissant su tutto il Web. Inoltre, framework ML come TensorFlow, PyTorch e JAX possono già caricare dataset Croissant utilizzando il pacchetto TensorFlow Datasets​​.


La sfida dei dati nel Machine Learning

Nel contesto del machine learning (ML), l'elaborazione e l'utilizzo di dataset preesistenti sono fasi fondamentali, ma presentano notevoli sfide. La diversità dei formati dei dati, che variano da testuali ad immagini, e l'assenza di uno standard unico complicano significativamente lo sviluppo di modelli di ML.


La preparazione dei dati è un passo cruciale che incide direttamente sulla precisione e l'efficacia dei modelli. I data scientist si trovano a dedicare una gran parte del loro tempo alla pulizia e all'organizzazione dei dati, nonostante solo una piccola percentuale dei dati aziendali soddisfi gli standard di qualità necessari per un'applicazione efficace nel ML. Questa fase comprende la raccolta, l'esplorazione, la pulizia, la trasformazione dei dati e l'ingegneria delle caratteristiche, al fine di garantire la massima affidabilità e utilità dei dati per i modelli di ML​​.


L'uso dei metadati nei database del ML si scontra con la complessità e la specificità dei dati necessari per il training dei modelli. I formati di metadati comuni come schema.org e DCAT non sono stati originariamente progettati per affrontare le sfide uniche del ML, che richiede un'elaborazione avanzata e l'integrazione di dati sia strutturati che non strutturati. Questo include la necessità di metadati che facilitino l'uso responsabile dei dati, considerando la provenienza, la privacy e la sicurezza dei dati. Il ML spesso si avvale di metodi sofisticati di analisi predittiva e di deep learning per elaborare grandi volumi di dati e identificare modelli complessi, come dimostrato dalle applicazioni nel rilevamento delle frodi nel settore assicurativo, dove vengono impiegati metodi come il clustering, le regole di associazione e il rilevamento di anomalie per identificare comportamenti fraudolenti nei dati​​.

 

Per affrontare queste sfide, è fondamentale adottare strategie avanzate di gestione dei dati e sviluppare nuovi standard di metadati che tengano conto delle esigenze specifiche del ML, migliorando così l'efficacia e l'efficienza del processo di apprendimento automatico.


Formato Croissant di Google AI

Il Formato Croissant si presenta come una soluzione innovativa nel campo del Machine Learning (ML), progettato per standardizzare la descrizione e l'organizzazione dei dataset. Questo formato ad alto livello combina metadati, descrizioni dei file delle risorse, struttura dei dati e semantica ML predefinita in un unico file, rendendo così i dataset più facili da trovare, usare e gestire con strumenti dedicati. Croissant si basa sul vocabolario di schema.org, ampiamente utilizzato per rappresentare dataset sul web, rendendoli ricercabili e utilizzabili in diversi contesti​​​​.

 

Uno degli aspetti distintivi di Croissant è il suo impegno a promuovere l'Intelligenza Artificiale Responsabile (RAI). Questo si riflette nell'introduzione di una estensione del vocabolario RAI di Croissant, che integra proprietà essenziali per descrivere aspetti cruciali dell'AI responsabile, come la gestione del ciclo di vita dei dati e la valutazione della sicurezza e dell'equità dei modelli ML​​.

 

Croissant è un formato di metadati progettato per facilitare la ricerca e l'utilizzo di dataset nel campo del machine learning, assicurando la loro interoperabilità con celebri piattaforme e archivi come Kaggle, Hugging Face e OpenML. Queste integrazioni consentono agli autori dei dataset di aumentare il valore dei loro dati con minimi sforzi, rendendo più semplice per la comunità ML trovare e utilizzare dataset pertinenti​​.


L'integrazione del formato Croissant nei framework principali

Il supporto del formato Croissant da parte dei principali framework di Machine Learning, come TensorFlow, PyTorch e JAX, rappresenta un'innovazione significativa nel campo dell'apprendimento automatico. Questa integrazione facilita l'adozione di Croissant, permettendo ai ricercatori e agli sviluppatori di sfruttare facilmente i dataset conformi a Croissant per addestrare e testare i modelli di ML. Grazie a Croissant, gli utenti possono beneficiare di un'interoperabilità migliorata tra i diversi strumenti e piattaforme, assicurando una maggiore efficienza nell'uso dei dati e promuovendo uno standard comune per la gestione dei dataset ML.

 

La scelta tra TensorFlow, PyTorch e JAX dipenderà dalle esigenze specifiche del progetto e dalle preferenze degli sviluppatori, ma la compatibilità con Croissant assicura che indipendentemente dalla piattaforma scelta, i dataset possano essere facilmente integrati e utilizzati nei vari contesti di apprendimento automatico.


Conclusioni e Riflessioni

Il formato Croissant di Google AI rappresenta un'evoluzione significativa nel trattamento e nell'utilizzo dei dataset nel campo dell'apprendimento automatico, mirando a standardizzare e semplificare la gestione dei dati. L'aspetto innovativo di Croissant risiede nella sua capacità di amalgamare in un unico file le informazioni essenziali quali metadati, descrizioni delle risorse, struttura dei dati e semantica ML, facilitando così la ricerca, l'accesso e l'uso dei dataset senza necessità di modificarne la rappresentazione originale. Questo apporta un beneficio immediato agli imprenditori e agli sviluppatori, riducendo il tempo e lo sforzo necessari per la preparazione e l'integrazione dei dati nei loro modelli di ML.

 

Per le aziende, l'adozione di Croissant può significare un incremento significativo dell'efficienza nello sviluppo di soluzioni basate sull'apprendimento automatico. La facilità di integrazione con piattaforme e framework esistenti come TensorFlow, PyTorch e JAX apre nuove possibilità per l'interoperabilità dei dati e la collaborazione tra diversi strumenti e piattaforme, promuovendo uno standard unificato che potrebbe diventare il gold standard nell'industria del ML.

 

Inoltre, l'impegno di Croissant verso l'Intelligenza Artificiale Responsabile (RAI) enfatizza l'importanza di considerare aspetti quali la privacy, la sicurezza e l'equità nel ciclo di vita dei dati e dei modelli ML, un fattore cruciale per le imprese che mirano a costruire soluzioni sostenibili ed eticamente consapevoli.

 

In conclusione, Croissant si propone come una soluzione all'avanguardia per superare le sfide legate alla varietà e alla gestione dei dataset nel ML, offrendo alle imprese la possibilità di accelerare lo sviluppo dei loro progetti di ML, garantendo al contempo la conformità a principi di AI responsabile e migliorando l'interoperabilità tra diverse tecnologie e piattaforme.

44 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page