top of page
  • Immagine del redattoreAndrea Viliotti

L'Intelligenza Artificiale (AI) nel 2024: le tendenze da tenere d'occhio

Aggiornamento: 18 gen


Nel 2024, l'AI generativa guiderà una rivoluzione tecnologica, con giganti come OpenAI e Google in prima linea. L'AI nei chip dei nuovi smartphone promette esperienze utente rivoluzionarie. Sfide critiche emergono nella gestione etica dei dati, mentre l'Intelligenza Artificiale Spiegabile (XAI) punta a una maggiore trasparenza. La robotica avanza con innovazioni come KnowNo, e l'AI quantistica apre nuove frontiere nel calcolo. Il 2024 vedrà un'accelerazione nell'AI, influenzando l'economia, il mercato e il tessuto sociale.


L'Intelligenza Artificiale nel 2024
L'Intelligenza Artificiale nel 2024

Nell'ormai prossimo 2024, ci troviamo sull'orlo di una svolta tecnologica che pare destinata a ridisegnare il panorama imprenditoriale e tecnologico come lo conosciamo. Al centro di questa trasformazione, troviamo l'Intelligenza Artificiale generativa, una tecnologia all'avanguardia che, guidata da colossi del calibro di OpenAI e Google, promette di rivoluzionare non solo il modo in cui interagiamo con i dispositivi, ma anche l'intero ecosistema imprenditoriale e sociale.

Immaginate di avere in tasca non solo uno smartphone, ma un vero e proprio assistente intelligente capace di anticipare e soddisfare le vostre esigenze, grazie all'integrazione di AI nei chip. Ecco, il 2024 potrebbe essere l'anno in cui questa visione diventa realtà, con esperienze utente che vanno oltre ogni immaginazione.

La gestione etica delle risposte dell’AI diventa una sfida cruciale. È qui che entra in gioco l'Intelligenza Artificiale Spiegabile (XAI), che mira a rendere i processi decisionali delle AI più trasparenti e comprensibili. Questo è fondamentale non solo per i tecnici, ma anche per imprenditori e consulenti che devono comprendere come queste tecnologie influenzano le loro strategie di business.

La robotica, con innovazioni come KnowNo, e l'AI quantistica aprono nuovi orizzonti, spingendo i limiti del possibile nel calcolo e nella soluzione di problemi complessi. Esempi pratici possono includere robot che assistono nelle operazioni chirurgiche con precisione millimetrica o sistemi AI capaci di analizzare enormi quantità di dati per identificare tendenze di mercato in tempo reale.

Ritornando al 2023, l'anno in cui ChatGPT di OpenAI, con il sostegno di Microsoft, ha segnato un punto di svolta, possiamo osservare come questa tecnologia abbia già iniziato a influenzare vari settori. Google con Bard e Gemini, e altri giganti come Meta, Apple, Adobe e Amazon, hanno intensificato la ricerca e lo sviluppo in questo campo, mostrando una chiara direzione verso l'adozione massiccia dell'AI generativa.

L'AI generativa, nonostante alcune sue limitazioni come le "allucinazioni" o dati fuorvianti, continua a suscitare grande interesse per la sua capacità di generare contenuti in forme diverse, dalla scrittura al multimediale. Pensate, ad esempio, a come potrebbe essere utilizzata per creare campagne di marketing automatiche, personalizzate per ogni cliente, o per sviluppare soluzioni innovative in ambito di customer service.

L'integrazione di queste tecnologie nel quotidiano di aziende e professionisti non è solo una tendenza, ma una realtà che sta già modellando il nostro presente. Ignorare l'AI generativa e il suo impatto sul nostro ambiente sociale e professionale sarebbe un grave errore. Siamo all'alba di una nuova era, una dove l'AI non è solo uno strumento, ma un vero e proprio partner in grado di aprire possibilità inesplorate e di rispondere a sfide complesse. Il 2024 non è solo un anno di promesse, ma un anno di realizzazioni concrete, un passo avanti nel viaggio verso un futuro sempre più interconnesso e intelligente.


AI e Innovazione nel Futuro di Smartphone e Computer

In un ambiente caratterizzato da un crescente entusiasmo e grandi aspettative, il settore degli smartphone e dei computer si proietta verso un futuro animato dall'innovazione dell'intelligenza artificiale. Seguendo un periodo di calo nelle vendite, si profila un cambiamento significativo: si prevede che entro il 2024, il lancio dei primi smartphone dotati di intelligenza artificiale integrata direttamente nei chip porterà a una trasformazione radicale dell'esperienza degli utenti.

Immaginiamo assistenti vocali che non solo rispondono alle nostre domande, ma anticipano i nostri bisogni, consigliando la strada migliore per evitare il traffico o suggerendo il ristorante ideale per la nostra serata. Pensiamo ad applicazioni in grado di modificare immagini in modo intelligente e intuitivo, quasi come se avessero una comprensione dell'arte e del design.

Questa svolta nel mercato degli smartphone, stagnante da un decennio, è guidata da colossi come Apple, che ha guidato la rivoluzione degli smartphone moderni. Apple ha recentemente focalizzato la sua ricerca sui modelli linguistici avanzati, orientandosi verso l'esecuzione di queste tecnologie direttamente sui dispositivi, una mossa strategica che si distacca dall'attuale approccio basato su cloud. Questo non è un semplice aggiornamento tecnico, ma un vero e proprio salto qualitativo nella gestione dei dati e nella potenza computazionale.

Samsung, insieme ad altri attori del settore, si sta preparando attivamente per introdurre smartphone basati sull'intelligenza artificiale, con l'obiettivo di diffondere questa tecnologia avanzata tra milioni di utenti.  Secondo le stime di Counterpoint Research, oltre 100 milioni di questi dispositivi saranno venduti entro il 2024, e si prevede che il 40% dei nuovi dispositivi avrà funzionalità basate su AI entro il 2027.

Questo scenario non riguarda solo i consumatori individuali, ma ha implicazioni profonde anche per il mondo imprenditoriale. Qualcomm, ad esempio, prevede che l'AI trasformerà l'esperienza utente, potendo potenzialmente invertire il trend di calo nelle vendite di smartphone. Per gli imprenditori e i consulenti aziendali, ciò significa un nuovo ciclo di prodotti e innovazioni, che possono sfruttare per fornire servizi più personalizzati ed efficienti ai loro clienti.

Apple, con un approccio più cauto, ha rivelato il proprio impegno nello sviluppo dell'AI generativa, investendo significativamente in questo campo. Questa direzione potrebbe portare a un maggiore controllo sulla privacy, poiché i dati rimarrebbero sul dispositivo dell'utente anziché essere trasferiti al cloud. Una considerazione cruciale non solo per i consumatori, ma anche per le aziende che guardano alla sicurezza dei dati come un fattore chiave.

L'AI non è solo una nuova caratteristica degli smartphone e dei computer, ma un elemento fondamentale che sta ridefinendo le funzionalità dei dispositivi, migliorando l'esperienza utente e influenzando le dinamiche di mercato.


La Sfida dei Dati nell'AI

In un mondo dove l'intelligenza artificiale si sta affermando come uno dei principali motori di innovazione, i dati emergono come il vero e proprio carburante di questa rivoluzionaria macchina. Ma con un potere così grande, emergono anche grandi sfide: la quantità e la qualità dei dati sono importanti, ma la loro provenienza, eticità e legalità sono aspetti cruciali che non possono essere ignorati. Proprio in questo contesto, si inserisce l’iniziativa del consorzio Data & Trust Alliance, che sta ridefinendo le regole del gioco.

Pensiamo a Data & Trust Alliance come un gruppo di élite, composto da aziende leader e startup innovative, che si è distinto per aver introdotto un sistema di etichettatura dei dati all'avanguardia e trasparente. Immaginate una sorta di "etichetta nutrizionale" per i dati: questo è il concetto alla base dei Data Provenance Standards. Annunciato il 30 novembre 2023, questo sistema si propone come un modello applicabile trasversalmente a diverse industrie.

L'obiettivo di questa iniziativa è chiarire e rendere trasparente l'origine dei dati, la loro storia e i diritti legali associati. È come se ogni pezzo di dato avesse un proprio passaporto, che ne attesta la provenienza, la storia e la legittimità. Questa trasparenza è fondamentale per garantire che le applicazioni di AI siano non solo efficienti e sicure, ma anche conformi alle normative vigenti e prive di pregiudizi, promuovendo un utilizzo etico e responsabile dei dati.

In questo scenario, le aziende e i consulenti aziendali devono comprendere che la risposta alla sfida dei dati nell'AI risiede non solo nelle capacità tecniche, ma anche nell'impegno a trattare i dati con la massima responsabilità. Questo significa rispettare i diritti degli individui e mantenere l'integrità delle applicazioni di AI. Si tratta di una questione non solo tecnica, ma anche etica e legale, che tocca temi delicati come i diritti d'autore e la privacy.

 L'importanza di questa iniziativa va oltre la semplice conformità normativa. Rappresenta un passo avanti verso un'evoluzione tecnologica più consapevole e sostenibile, dove i dati non sono solo numeri, ma elementi vitali che richiedono cura e attenzione. In un mondo sempre più guidato dai dati, l'approccio del Data & Trust Alliance potrebbe segnare l'inizio di una nuova era di responsabilità e trasparenza nell'uso dell'AI, un elemento cruciale per imprenditori e consulenti che guardano al futuro con una visione innovativa e consapevole.


L'Intelligenza Artificiale nel 2024 sarà spiegabile

Nel 2024, l'orizzonte dell'intelligenza artificiale si espande oltre la semplice potenza computazionale, abbracciando un concetto fondamentale: la trasparenza. Qui entra in gioco l'Intelligenza, un campo di ricerca in piena espansione, focalizzato su un obiettivo cruciale: rendere i modelli di AI non solo potenti, ma anche accessibili e comprensibili.

Immaginate di trovarvi davanti a una "scatola nera" enigmatica: sapete che all'interno c'è qualcosa di prezioso, ma non avete idea di come funzioni. Questa è la percezione comune degli algoritmi di AI. XAI mira a svelare il mistero, aprendo la scatola e mostrando il meccanismo interno in un modo che tutti possano capire.

Il cuore della XAI risiede nella sua capacità di tradurre l'AI in termini umani. Pensiamo ad esempio a un medico che utilizza un sistema AI per diagnosticare malattie: è essenziale che il medico non solo riceva una diagnosi, ma comprenda anche il processo logico che ha portato a quella conclusione. Questa trasparenza genera fiducia e sicurezza, permettendo agli utenti di capire come e perché un sistema AI prende determinate decisioni.

La sfida della XAI è bilanciare l'accuratezza dei modelli con la loro interpretabilità. È come camminare su un filo teso tra due grattacieli: da un lato, abbiamo la necessità di algoritmi estremamente sofisticati e precisi; dall'altro, la necessità di renderli intellegibili.

Un esempio concreto di questo impegno è il programma XAI della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), lanciato nel 2016. L'obiettivo di DARPA è quello di permettere agli utenti di avere una comprensione più profonda, fiducia e controllo efficace sui sistemi di AI.

IBM sottolinea che la XAI comprende un insieme di processi e metodi che permettono agli utenti umani di comprendere e fidarsi dei risultati generati dagli algoritmi di AI. Questo include spiegazioni su come funziona un modello di AI, il suo impatto previsto e la gestione dei potenziali bias.

La spinta verso l'intelligenza artificiale spiegabile rappresenta un cambiamento di paradigma nell'ambito dell'AI: da sistemi potenti ma incomprensibili, a strumenti trasparenti e affidabili, veri e propri partner comprensibili e fidati per l'umanità. La XAI non è solo un progresso tecnologico; rappresenta un passo avanti verso un futuro in cui la tecnologia è in armonia con le esigenze e i valori umani, un futuro in cui imprenditori e consulenti possono non solo utilizzare l'AI, ma comprenderla e fidarsi di essa.


L’AI non più solo generativa ma evolutiva.

Nell'ambito dell'AI assistiamo a un salto qualitativo straordinario: l'evoluzione da sistemi meramente generativi a quelli evolutivi. Questa transizione, che rappresenta una vera e propria svolta, è magnificamente esemplificata da FunSearch, una tecnologia avanzata sviluppata dal gruppo affiliato a Google DeepMind.

FunSearch non è un semplice strumento di ricerca matematica e informatica, ma una vera e propria pietra miliare. Utilizza i Large Language Models (LLM) per alimentare un metodo evolutivo che porta alla luce e sviluppa le idee più promettenti, trasformate in programmi informatici eseguibili e automaticamente valutabili. Immaginate un utente che scrive una descrizione di un problema in codice: FunSearch prende questo spunto e si lancia in un processo di esplorazione e sviluppo.

FunSearch è stato definito come un processo evolutivo che unisce un LLM pre-addestrato con un valutatore sistematico. Questa fusione consente di superare i limiti tipici degli LLM, sfruttando la loro creatività per affrontare problemi complessi e generare nuove soluzioni nel campo della matematica e dell'informatica.

Il cuore di FunSearch risiede nel suo approccio iterativo: da una parte, un'intelligenza artificiale che genera codice, dall'altra, un sistema che verifica l'efficacia delle soluzioni proposte. Questo ciclo di feedback costante trasforma idee iniziali, magari ancora acerbe, in scoperte solide e performanti.

L'aspetto più affascinante di FunSearch è la sua capacità di imitare la logica della selezione naturale darwiniana nello sviluppo del codice informatico. Pensate a come in natura le specie evolvono: le "versioni" di codice informatico in FunSearch emergono e si adattano per risolvere il problema in modo sempre più efficace, proprio come avviene con i codici genetici nella selezione naturale.

FunSearch non è solo un esempio lampante di AI evolutiva, ma segna anche la direzione per il futuro dello sviluppo delle tecnologie AI. Questo metodo innovativo offre alle aziende la possibilità di affrontare sfide sempre nuove e imprevedibili, garantendo soluzioni aggiornate, spiegabili ed efficaci. Questo progresso non migliora solo la capacità di risolvere problemi complessi, ma apre anche la strada a una comprensione più profonda dell'intelligenza artificiale e del suo inestimabile potenziale per il futuro.


Una Nuova Era nella Robotica

La robotica sta entrando in una nuova era entusiasmante, caratterizzata da innovazioni che sembrano uscire direttamente da un racconto di fantascienza. Al centro di questa rivoluzione troviamo KnowNo, un progetto all'avanguardia che integra l'intelligenza artificiale generativa (AI Gen) nel campo della robotica, trasformando il modo in cui i robot interagiscono con il mondo e prendono decisioni.

Immaginate un robot che, di fronte a una situazione incerta, non si limiti a seguire ciecamente un programma predefinito, ma sia in grado di "sapere quando non sa" e di chiedere aiuto. Questo è il cuore di KnowNo: un framework che consente ai robot di misurare e allineare l'incertezza nei loro piani, basandosi sui Large Language Models (LLM).

Pensiamo a un esempio pratico: un robot riceve un comando linguistico. Invece di eseguirlo alla cieca, l'LLM genera una serie di possibili azioni con relative confidenze. La teoria avanzata della previsione conformale entra in gioco qui, offrendo un set di predizioni che aiutano il robot a scegliere la linea d'azione più adeguata.

Il valore di KnowNo sta nella sua abilità di gestire l'incertezza nelle decisioni robotiche. I robot equipaggiati con questo sistema possono interpretare dati e comandi in modo più sofisticato, adattando i loro piani d'azione di conseguenza. Ciò li rende più autonomi e in grado di operare in ambienti complessi e dinamici. Per esempio, un robot in un ospedale potrebbe riconoscere situazioni ambigue durante l'assistenza ai pazienti e richiedere supporto umano per evitare errori.

L'innovazione rappresentata da KnowNo va ben oltre i metodi tradizionali di programmazione robotica. Con la sua introduzione, i robot non sono più semplici esecutori di comandi, ma diventano partner intelligenti e affidabili, capaci di operare in una vasta gamma di ambienti e contesti.

Questa nuova era della robotica, inaugurata da KnowNo, apre la porta a un futuro in cui i robot non sono solo strumenti passivi, ma collaboratori attivi, capaci di comprendere, valutare e agire in modo intelligente. Un futuro dove i robot diventano co-protagonisti nel risolvere problemi e prendere decisioni insieme agli esseri umani.


BYOAI

Nell'evoluzione incessante del mondo del lavoro moderno, emerge una tendenza nota come BYOAI (Bring Your Own Artificial Intelligence). Questo fenomeno sta ridefinendo radicalmente il nostro approccio alla tecnologia in ambito lavorativo. Nell'era del BYOAI, i dipendenti adottano strumenti e applicazioni AI esterni per eseguire compiti aziendali, indipendentemente dalla loro approvazione ufficiale da parte dell'azienda. Alimentata dall'accessibilità di strumenti AI a basso costo e user-friendly, questa tendenza pone nuove sfide in termini di controllo e sicurezza.

Consideriamo un esempio concreto: un dipendente di marketing che utilizza un'applicazione AI esterna per analizzare tendenze di mercato e generare report, migliorando notevolmente la sua produttività. Tuttavia, l'uso di tale strumento potrebbe non essere conforme alle politiche di sicurezza dei dati dell'azienda, creando potenziali rischi.

Il BYOAI, tuttavia, non è solo una fonte di preoccupazione. Offre vantaggi considerevoli come l'incremento della produttività, l'innovazione e la soddisfazione dei dipendenti, oltre alla riduzione dei costi. Ma, come ogni medaglia ha il suo rovescio, comporta sfide significative, quali la potenziale violazione della privacy, la sicurezza dei dati e il rischio di non conformità alle normative.

Per navigare in queste acque agitate, è essenziale implementare una politica BYOAI chiara e ben delineata. Questa politica dovrebbe essere empatica nei confronti dei dipendenti, includendo il loro feedback e delineando chiaramente i casi d'uso approvati. È fondamentale spiegare ai dipendenti i benefici e i rischi dell'utilizzo di questi servizi AI, fornendo linee guida chiare e specifiche.

Inoltre, è cruciale sviluppare una strategia di governance su scala organizzativa che affronti il fenomeno BYOAI. Politiche ben definite devono essere stabilite in tutti gli aspetti dell'organizzazione, bilanciando la necessità di innovazione con quella di sicurezza e conformità.

BYOAI rappresenta quindi un'opportunità unica e una sfida per le organizzazioni moderne. L'elemento chiave per trarre il massimo da queste tecnologie è trovare un equilibrio tra innovazione e sicurezza, garantendo che il loro impiego sia contemporaneamente produttivo che protetto. Le aziende che riusciranno a navigare con successo in questo nuovo paradigma saranno quelle in grado di sfruttare le potenzialità dell'AI, mantenendo al contempo un ambiente di lavoro sicuro e conforme.


Normative sull'AI

Nel 2023, abbiamo assistito a una trasformazione significativa nel panorama normativo dell'intelligenza artificiale, con sviluppi cruciali sia in Europa che negli Stati Uniti. Queste evoluzioni segnano una svolta nella governance globale dell'AI, testimoniando una crescente comprensione della necessità di un quadro regolamentare che armonizzi le straordinarie opportunità offerte dall'AI con i suoi potenziali rischi.

In Europa, è stato compiuto un passo storico con l'approvazione dell'AI Act, una normativa pionieristica che stabilisce standard vincolanti e proibisce specifiche applicazioni di AI considerate inaccettabili. Immaginate una legge che agisce come un faro, guidando le imbarcazioni - in questo caso, i sistemi AI - verso acque sicure, dove i diritti fondamentali e i valori dell'Unione Europea sono tutelati. Il fulcro dell'AI Act si concentra su aspetti come la trasparenza, l'identificazione dei sistemi ad alto rischio e l'uso governativo dell'AI, ponendosi come esempio per altri paesi e regioni.

Negli Stati Uniti, l'Amministrazione Biden ha introdotto l'Ordine Esecutivo (E.O.) 14110, un'iniziativa mirata a promuovere uno sviluppo sicuro e affidabile dell'AI. Questo ordine impegna il governo a guidare uno sviluppo responsabile dell'AI. Uno degli aspetti salienti è l'incarico al Dipartimento del Commercio di elaborare linee guida per l'etichettatura dei contenuti generati dall'AI. Si tratta di un approccio ampio per un "uso responsabile dell'AI", che mira a stabilire politiche per assicurare un impiego appropriato dell'AI, mitigando potenziali danni derivanti dal suo uso.

Queste evoluzioni normative sono di fondamentale importanza per assicurare uno sviluppo sostenibile ed etico dell'AI. Ci stiamo avvicinando al 2024 con l'aspettativa che questa tendenza verso una regolamentazione più rigorosa continui, influenzando profondamente il modo in cui le tecnologie AI vengono sviluppate, implementate e utilizzate in vari settori. Questo quadro normativo in evoluzione riflette un importante passo avanti nel trovare un equilibrio tra innovazione e protezione dei diritti e della sicurezza. Segna un momento cruciale nella creazione di un ambiente di AI più sicuro e responsabile a livello globale, una pietra miliare per le aziende, i legislatori e la società nel suo insieme.


L'Ascesa dell'AI Quantistica - Rivoluzione Tecnologica in Arrivo

La prospettiva di una rivoluzione tecnologica è sempre elettrizzante, ma quando si tratta di AI quantistica, il livello di eccitazione raggiunge nuovi apici. Questo innovativo connubio tra intelligenza artificiale e computazione quantistica, che si profila all'orizzonte per il 2024, promette di sfidare i confini della tecnologia come la conosciamo. Questa nuova frontiera tecnologica è pronta a svelare soluzioni a problemi complessi che fino ad ora erano al di fuori della portata dei computer tradizionali.

Per comprendere l'essenza di questa rivoluzione, immaginiamo il compito di calcolare il percorso più breve tra due punti. Mentre un algoritmo tradizionale esamina ogni percorso uno dopo l'altro, la computazione quantistica può esplorare tutti i percorsi simultaneamente, riducendo drasticamente il tempo necessario per trovare la soluzione ottimale.

L'accoppiamento dell'AI con i computer quantistici porta a un'esplosione delle capacità di elaborazione dei dati. Questo permette di sondare soluzioni in settori come la farmaceutica, la finanza e l'energia, dove la complessità dei calcoli è stratosferica.

Tuttavia, l'AI quantistica è ancora in una fase embrionale. Le sfide includono la stabilità dei qubit, la scalabilità dei sistemi quantistici e lo sviluppo di algoritmi specifici per l'AI che sfruttino appieno le peculiarità della computazione quantistica. Nonostante questi ostacoli, i progressi nel campo stanno avanzando a passi da gigante, grazie agli ingenti investimenti di istituti di ricerca e aziende tecnologiche.

Le potenziali applicazioni dell'AI quantistica sono stupefacenti. Immaginate progressi rivoluzionari nella scoperta di nuovi materiali, nella personalizzazione della medicina basata sul DNA e in soluzioni innovative per combattere il cambiamento climatico. La capacità di processare enormi volumi di dati in tempi brevissimi potrebbe anche condurre a nuove scoperte scientifiche e migliorare notevolmente le previsioni e le analisi di complessi sistemi naturali ed economici.

In conclusione, l'AI quantistica non è solo una prossima rivoluzione tecnologica; rappresenta una promessa di trasformazione in numerosi settori, offrendo strumenti per affrontare alcune delle sfide più urgenti dell'umanità. Per imprenditori e consulenti, questa è un'opportunità imperdibile per stare al passo con il futuro, anticipando i cambiamenti e cogliendo le opportunità offerte da questa straordinaria evoluzione tecnologica.


Opportunità di lavoro nel campo dell’AI

L'AI sta rapidamente diventando una forza trainante in numerosi settori, aprendo un variegato universo di opportunità lavorative innovative e dinamiche. Questo affascinante mondo offre carriere che vanno dalla gestione tecnica fino a ruoli altamente specializzati, ridefinendo il panorama del lavoro contemporaneo.

Immaginiamo, ad esempio, il ruolo di un AI Product Manager. Questa figura professionale si trova al centro dello sviluppo e del lancio di prodotti basati sull'intelligenza artificiale. La loro missione è assicurare che i prodotti soddisfino le esigenze del mercato e siano in linea con gli obiettivi aziendali, fungendo da ponte tra ingegneri software AI, scienziati dei dati e direttori commerciali.

Poi ci sono i AI Sales Director, le cui responsabilità includono la vendita di prodotti e servizi AI alle aziende. Con una forte base in vendite e marketing e una profonda comprensione delle tecnologie e applicazioni AI, questi professionisti collaborano strettamente con i gestori di prodotti AI per presentare efficacemente le caratteristiche e i benefici di questi servizi ai potenziali clienti.

Nel ruolo di AI Consultant, invece, troviamo esperti che guidano le aziende nell'applicazione dell'AI e del machine learning alle loro operazioni. Questi consulenti hanno una solida formazione in AI, operazioni aziendali e gestione di progetti, e lavorano a stretto contatto con le aziende per identificare aree in cui l'AI può migliorare l'efficienza, ridurre i costi e incrementare i ricavi.

Un altro ruolo intrigante è quello dell'AI Prompt Engineer, specializzato nella progettazione e ottimizzazione di prompt per sistemi basati sull'AI, come ChatGPT. Questi professionisti hanno competenze specifiche nell'interpretare i meccanismi dell'AI e nel creare input che massimizzano l'efficacia dei modelli.

Gli AI Integration Specialist sono invece incaricati di integrare l'AI nelle operazioni aziendali esistenti. Lavorano a stretto contatto con i team di management per assicurare che le soluzioni AI siano implementate fluidamente e in coerenza con le strategie aziendali.

Non meno importanti sono gli AI Business Analyst, che utilizzano dati e insight generati dall'AI per supportare decisioni aziendali strategiche. Questi analisti combinano competenze analitiche con una conoscenza approfondita dei sistemi AI per tradurre i risultati dell'AI in piani di azione efficaci.

In un'era in cui l'etica sta diventando sempre più centrale, il ruolo dell'AI Ethical Compliance Officer è fondamentale. Questi professionisti assicurano che l'uso dell'AI nell'azienda rispetti principi etici e normative, valutando e monitorando l'impatto etico delle tecnologie AI adottate.

Ogni ruolo nel campo dell'AI rappresenta un elemento chiave nel tessuto di questa tecnologia emergente, offrendo strade diverse e stimolanti per coloro che desiderano esplorare o avanzare in questo settore in continua evoluzione. Per imprenditori e consulenti, comprendere questi ruoli è essenziale per cogliere pienamente le opportunità offerte da questa rivoluzionaria tecnologia.


Ricerca online potenziata dall’intelligenza artificiale

L'AI sta trasformando radicalmente il panorama della ricerca online, portando a un'esperienza utente sempre più personalizzata, contestualizzata e predittiva. Questo cambiamento si manifesta in vari modi, rendendo la ricerca su internet non solo più efficiente ma anche più intuitiva e mirata.

Iniziamo con l'adattamento dei risultati alle preferenze individuali degli utenti. Immaginiamo un algoritmo AI che funge da personal shopper digitale, filtrando e suggerendo risultati di ricerca in base alle abitudini e ai gusti personali dell'utente. Questo significa informazioni più pertinenti e tempestive a portata di mano.

Grazie a tecniche come il Natural Language Processing (NLP), i motori di ricerca AI riescono a interpretare il linguaggio umano, comprendendo non solo le parole chiave ma anche il contesto delle ricerche. Questo equivale a un assistente intelligente che comprende non solo cosa stiamo chiedendo, ma anche il perché, fornendo risposte più precise e approfondite.

La ricerca conversazionale, facilitata dall'elaborazione del linguaggio naturale, rende le interazioni con i motori di ricerca più fluide e naturali. È come avere una conversazione con un esperto, che risponde in modo più intuitivo e comprensibile rispetto alle interazioni con i tradizionali motori di ricerca.

 La ricerca visuale è un altro aspetto rivoluzionario dell'AI in questo ambito. Gli utenti possono ora cercare utilizzando immagini o video, un metodo particolarmente utile per trovare prodotti o informazioni quando le parole non sono sufficienti.

L'AI ha un impatto significativo anche nel campo della SEO e della creazione di contenuti. Aiuta gli sviluppatori web a ottimizzare i loro siti per una maggiore visibilità nei risultati di ricerca, garantendo che il contenuto sia rilevante e facilmente accessibile.

Nel campo del data mining e dell'analisi, i motori di ricerca AI possono raccogliere e analizzare enormi quantità di dati, riconoscendo modelli e tendenze.

Nel settore dell'e-commerce, i motori di ricerca AI stanno rivoluzionando il modo in cui gli utenti trovano e acquistano prodotti, offrendo raccomandazioni personalizzate basate su preferenze, storia degli acquisti e comportamento di navigazione.

Infine, in un'era di sovraccarico informativo, i motori di ricerca AI facilitano una gestione efficiente della conoscenza, aiutando gli utenti a filtrare e recuperare rapidamente le informazioni specifiche di cui hanno bisogno.

Mentre l'AI continua a migliorare la ricerca online, è fondamentale affrontare questioni etiche e di sicurezza relative al suo uso, per garantire che questa tecnologia venga impiegata in modo responsabile e benefico per la società. Per gli imprenditori e i consulenti, è essenziale comprendere queste dinamiche per sfruttare al meglio le potenzialità dell'AI, garantendo al contempo una navigazione sicura ed etica nel mondo digitale.


L’AI e l’assistenza clienti

L'evoluzione dell'intelligenza artificiale nel settore dell'assistenza clienti sta assumendo un ruolo centrale, attirando l'attenzione e gli investimenti di chi gestisce questo ambito. La tendenza è evidente: si prevede un significativo incremento degli investimenti in AI per potenziare i servizi di assistenza. Il 69% dei responsabili dell'assistenza ha dichiarato che aumenterà gli investimenti in AI nel 2024.

La funzione dell'AI nell'assistenza clienti non è quella di sostituire i lavoratori umani, ma piuttosto di amplificarne e migliorarne le capacità. Un dato sorprendente rivela che oltre il 78% dei responsabili prevede che l'AI rivoluzionerà profondamente le carriere nell'assistenza clienti nei prossimi cinque anni, aprendo nuove opportunità e creando nuovi ruoli professionali.

Prendiamo, ad esempio, l'impiego dell'AI nelle chat di assistenza clienti. Questa tecnologia non solo aiuta le aziende a risparmiare denaro, ma migliora anche l'efficienza, offrendo un servizio clienti superiore e garantendo un vantaggio competitivo. I chatbot AI, ad esempio, possono gestire in modo efficiente le richieste di base, lasciando ai dipendenti umani il compito di affrontare questioni più complesse e personalizzate.

Tuttavia, c'è una "lacuna di prontezza all'AI" tra i leader del settore e i praticanti. Mentre più di due terzi dei leader sono ottimisti riguardo alla disponibilità dei clienti ad interagire con i chatbot AI, meno della metà degli operatori condivide questa visione. Questo indica una grande opportunità per i leader di diffondere il loro entusiasmo per l'AI nel servizio clienti con i loro team e di coinvolgerli attivamente in questo processo di trasformazione.

In sintesi, l'AI sta cambiando radicalmente il mondo dell'assistenza clienti, aprendo nuovi orizzonti per migliorare l'efficienza e l'esperienza del cliente. Tuttavia, per sfruttare appieno le potenzialità di questa tecnologia, è necessario che i professionisti del settore ne comprendano le dinamiche e adottino un approccio strategico per la sua implementazione. Questo richiede non solo investimenti in tecnologia, ma anche un impegno nel coinvolgimento e nella formazione dei team, assicurando che siano pronti e capaci di navigare in questo nuovo ed entusiasmante paesaggio dell'assistenza clienti.


Conclusione

Nel 2024, ci aspettiamo che il campo dell'intelligenza artificiale generativa (AI Gen) compia passi da gigante, evolvendo verso applicazioni sempre più personalizzate e trasparenti. Questo sviluppo non è confinato a un ambito specifico; al contrario, si estende attraverso vari contesti, siano essi aziendali, professionali o personali. Ciò che rende questo progresso particolarmente significativo è una comprensione più profonda e una tracciabilità accurata dei dati utilizzati per formare le piattaforme AI, nonché una maggiore chiarezza nella "logica algoritmica" che guida le risposte dell'AI Gen.

Pensiamo, ad esempio, all'AI Gen come a un artista versatile che può dipingere un quadro in molti stili diversi, adattando il suo approccio a seconda del pubblico e del contesto. Questo tipo di AI sta diventando uno strumento fondamentale in aree in cui le azioni umane possono essere tradotte, interpretate e simulate attraverso strumenti che fondono il fisico con il digitale.

Alcune aziende sono già pioniere nell'integrazione dell'AI Gen e della tecnologia AI classica nella loro cultura aziendale. L'obiettivo è democratizzare la creazione di AI, permettendo a ogni dipendente, indipendentemente dalla propria esperienza tecnica, di costruire, condividere e riutilizzare strumenti AI.

Sul fronte della regolamentazione pubblica, l'armonizzazione dello sviluppo tecnologico con gli obiettivi etici e sociali è una sfida complessa ma fondamentale. Le imprese stanno investendo attivamente in governance e conformità AI per anticipare e gestire i rischi associati all'uso dell'AI e alla tendenza del "porta la tua AI" (BYOAI), preparandosi per le normative emergenti. Questo approccio, oltre a beneficiare le organizzazioni in termini di profitto, le protegge dai rischi legali legati all'uso improprio della proprietà intellettuale e le coinvolge attivamente nel processo di regolamentazione.

In conclusione, il 2024 si prospetta come un anno di svolta per l'AI Gen, promettendo trasformazioni radicali nelle pratiche quotidiane aziendali, professionali e personali. Questa evoluzione tecnologica mira a un perfetto equilibrio tra innovazione e responsabilità sociale ed etica, guidando verso un futuro in cui l'AI non è solo un'innovazione tecnologica, ma anche un catalizzatore per un progresso consapevole e sostenibile.

423 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page